Pascalino, di Adele Libero

Pecchè ogne matina te ne scinne
e vai scapuzziando pe’ Tuledo,
‘o cappiello e Panama piazzato,
e scarpe blu, ‘o baffo ‘mpumatato.

‘E gguaglione te guardano rapite,
tu pare nu modello d’’a vetrina,
‘o surriso maschile, a brillantina.
appena allisciate so’ ‘e capille.

Se’ capisce ch’è facile ‘o discorzo,
te n’apprufitte ‘e chesta toja bellezza,
‘e chiamme, ‘e vase, ‘e struje d’illusione
e po’ subbeto ‘e llasse , che amarezza.

Ll’ammore, eh già, pe’ te’ è proprio niente,
doppo che ll’he pigliato anima e cuorpe,
so’ tutte eguale, femmene ‘nuccente,
ricche puttane ‘o juagliuncelle e scola.

Chissà qua juorno arriva ‘na vendetta,
e vene chella ca se piglia ‘o core,
e ‘nfine pure tu sarraje dannato
e ghiarraje mendicanno ‘o poco ‘e ammore.

Annunci