accadde…oggi: nel 1868 nasce Mary Parlby, una delle Famous Five

https://it.wikipedia.org/wiki/Irene_Parlby

Mary Irene Parlby nata Marryat (9 gennaio 186812 luglio 1965) è stata un’attivista e politica canadese, leader del sindacato delle contadine. Una delle cinque donne del gruppo Famous Five, presidente di United Farm Women of Alberta, è stata la prima donna a diventare ministro senza portafoglio nel governo di Alberta, in Canada.

Nata a Londra, figlia minore del colonnello Ernest Lindsay Marryat[1][2], a 13 anni si trasferì in India con la famiglia, che seguiva il lavoro del padre. Ricevette un’elevata istruzione in scuole esclusive in Svizzera e Germania, interessata di più al teatro e alla scrittura che alla medicina, il desiderio del padre. Viaggiò a lungo in Europa prima di andare in visita ad amici a Buffalo Lake, nel nord-ovest e successivamente ad Alberta, e stabilirsi in Canada, nel 1896.

Poco dopo l’arrivo, incontrò un laureato di Oxford, Walter Parlby, immigrato in Canada per congiungersi al fratello, contadino abitante nella città di Alix, Alberta. Irene e Walter si sposarono nel 1897 e rimasero nella fattoria di famiglia ad Alix, dando alla luce il figlio, Humphrey nel 1899.

Nel 1913, Parlby aiutò a fondare le prime sedi locali femminili di United Farmers of Alberta. Nel 1921 fu eletta nell’Assemblea legislativa di Alberta per la guida del distretto provinciale di Lacombe, rimanendo per 14 anni. Nominata ministro senza portafoglio, fu la prima donna ministro del governo di Alberta.

Irene Parlby fece parte delle Famous Five (Canada) o The Valiant Five[3], che per mezzo di una battaglia giudiziaria conosciuta con il nome di Persons case aveva stabilito che le donne erano “persone qualificate” ai sensi della Costituzione del Canada e pertanto avevano diritto a sedere nel Senato del Canada. Come anche le altre quattro, soprattutto in quanto avvocata, Parlby militava per il movimento eugenetico in Alberta, compresa la sterilizzazione sessuale dei malati mentali.

Avvocata permanente per le donne canadesi e per i bambini delle zone rurali, Parlby fu presidente della United Farm Women (UFWA) di Alberta dal 1916 al 1919. A nome dell’UFWA, si attivò per migliorare i servizi pubblici, l’assistenza sanitaria, l’istituzione di ospedali municipali, nonché cliniche mediche e dentali. Nel 1921, Irene Parlby fu eletta nella legislatura provinciale e fece il ministro di gabinetto (la seconda donna in Canada ad occupare un posto nel gabinetto provinciale).

In seguito al Persons case, il primo ministro R.B. Bennett nominò Irene Parlby uno dei tre delegati che il Canada poteva inviare alla Lega delle Nazioni a Ginevra, dove rimase in servizio dal 1930 al 1934. Affaticata, tornò ad Alberta e finì il suo mandato nella legislatura provinciale, non ricandidandosi nel 1935. Come riconoscimento per il suo contributo allo sviluppo della provincia, l’Università di Alberta le conferì la laurea Honoris causa nel 1935. Ritiratasi dalla politica, continuò il suo attivismo indirizzato verso la cooperazione e migliori condizioni di vita dei cittadini canadesi, sia di persona che sui media[4].

Combattente per il riconoscimento piuttosto che per l’uguaglianza al genere maschile, venne spesso citata la sua frase: “… e cosa succede quando non ci siamo più? Dovrebbero le donne tornare nello stato in cui appartenevano una volta? No, dovrebbero piuttosto prendere armi e combattere per il riconoscimento, non per l’uniformità”[5].

Si spense nel 1965 all’età di 97 anni, l’ultima sopravvissuta delle Famous Five.

Annunci