otto marzo addio, acrostico di Adele Libero

O forse sarà il nostro troppo amore
trarato che ci blocca sulla pelle
tutto il dolore che ci dà qualcuno
ostile pur se è poi il nostro uomo.

Ma ribellarci non è il nostro forte
anche se ci sapremmo consolare
ridendo di chi ha di più la forza
zitte allorquando su di noi compare.
O forse lo dovremmo allontanare.

Adesso io ricordo quei sessanta
di lotte emancipanti per le donne,
de “il corpo è mio ed io lo gestisco”
in nome d’uguaglianze mai ottenute.
O forse, sai, ci han solo fregate.