responsabilità, di Loredana De Vita

Responsibility

La parola responsabile significa “essere abile alla risposta”, cioè saper dare la risposta adeguata alla situazione che si presenta. La responsabilità non è mai solo auto diretta ma auto ed etero diretta. Significa che la nostra capacità di risposta adeguata a una situazione protegge noi e anche gli altri, tutela noi e anche gli altri, salvaguarda noi e anche gli altri.
Ora, nel caso della pandemia da Covid19, non è assolutamente il caso di abbassare la guardia mentre è necessario “essere abili alla risposta”, cioè saper essere capaci di gestire la situazione con rispetto e con calma.
La mascherina che dobbiamo, DOBBIAMO, indossare al chiuso e nei luoghi aperti dove ci siano assembramenti, non è un optional, ma una responsabilità. È, cioè, la capacità che abbiamo di rispondere in maniera adeguata non solo per proteggere noi stessi, ma per salvaguardare anche gli altri.
Se c’è chi pretende per se stesso la libertà di negare l’evidenza, si ricordino, queste persone, che la loro libertà è un fatto, ma che essa non può infierire contro la libertà che ha l’altro di dare la risposta giusta al proprio bisogno di tutela. Questo significa che, se desiderano esercitare la propria libertà di non indossare la mascherina, possono farlo dove non ci sono altre persone che, adeguatamente, la indossano, anche perchè chi la indossa protegge l’altro, non se stesso (a meno che non abbiano mascherine di effetto superiore alla semplice mascherina chirurgica), quindi si rischia che proprio loro vengano tutelati, mentre gli altri abbandonati al caso.
Essere responsabili significa avviare un processo di reciprocità per cui l’uno protegge
l’altro, e questa è una cosa molto bella in generale e non soltanto nel caso specifico.