solo un po’ di magia, di Loredana De Vita

Just a Little Bit of Magic

Ebbene sì, ci sono giorni in cui qualcosa di magico non può che fare bene. Una magia oltre la bacchetta magica o i sortilegi e le formule magiche. Abbiamo bisogno di quella magia che nasce dentro ciascuna persona la cui forza e il cui potere abbiamo dimenticato assorti come spesso si è nel piangere sul frammentario e frammentato contingente in cui abbiamo smarrito la ricerca dell’essenza e dell’essenziale. Una piccola magia, allora, è accendere un sorriso sulle labbra incurvate verso il basso e far splendere una luce negli sguardi assorti e cupi. Non ci vuole tanto, meno di quello che si crede, basta la purezza dell’amore, quell’amore e quella purezza che, da qualche parte, non può averci del tutto abbandonato. È magia, allora, una parola gentile o il silenzio rispettoso, l’ascolto coinvolgente e avvolgente e la parola dignitosa e mite. È magia lo sguardo disinteressato e la carezza tenue dell’innocenza. È magia il pudore e l’ardore con cui si ama e si crede nella vita, è magia il sogno di un bene che non è che il bene, completo in se stesso, gratuito e sincero. È magia una mano tesa per sorreggere il tuo cuore stanco e la spalla forte su cui appoggi il tuo dolore e il tuo pianto. È magia il giorno e la notte, la luce e il buio, l’alba e il tramonto, il sole e la luna, sorella, che, gentili, accompagnano il riposo affranto di ogni cuore che accoglie la speranza.