dato che stamattina ha nevicato a Sestri ecco due mie composizioni sulla neve, una in rima alternata, l’altra in rima baciata

lieve

discende

la neve,

sorprende

l‘ignaro paesaggio

che non si aspettava

il suo passaggio

ché col cuore sperava

di non esser di gelo imbiancato,

di ghiaccio bollente,

ma di calda primavera ammantato,

di calore nascente.

scende la neve,

volteggia lieve,

lenta si posa

su ogni cosa,

scompare qualunque colore,

predomina il niveo candore,

i rumori son soffocati

e i silenzi amplificati,

i paesaggi più confini non hanno

e un gran senso d’infinito danno