‘o quinto piano, di Adele Libero

E stammece assettate ‘o quinto piano
‘e sta luggetta fresca e prufummata,
tu ce cultive ‘e sciure e chianu chiano
l’evera cresce e ‘a rosa s’è schiuppata.

Se vere a vvote pure ‘o ppoco ‘e mare,
Capri ‘a luntano, Nisida e ‘a spiaggetta
si te piglie ‘o ccafè cu na zulletta
siente into ‘o core ‘a voglia ‘e n’ammore.

Ma mo, a sittant’anne, quale ammore,
nce stanno sulo acciacche e nervature,
‘a matina te scite cu e pensiere
e a sera vai a durmì cu’’e ncacchiature.

E’ chesta ‘a vita ‘e nuje penzionate,
bullette ca pavammo e po’ ‘o piggione,
quanno po’ chiove ‘a casa nuje restammo
aspettanno ‘o mumento d’’a penzione.