mare, di Adele Libero

‘A piccerella ievo n’goppo ‘a spiaggia
e cercavo ‘e pietruzze, ‘e lumachelle,
chelle argentate, lisce, tonde e belle,
a m’addurmevo a sera cu ‘sti stelle.

Mammà nun me purtava mmiezo ‘o mare,
ma me diceva sempre: statte accorta,
e mmiezo all’onne cercavo ‘e restare
a galla dinto ‘a spuma accarezzante.

Da allora ll’acqua è stata sempe casa,
si nun ‘a veco, pure si è luntana,
me sento strana, come dint’ ’o stritto,
e ll’orizzonte amico nun me chiama.

Tengo proprio bisogno ‘e chesta brezza,
respiro chiano quanno ‘o viento è forte,
guardo ogni varca ca po’ s’alluntana
e a dinto ‘o core scappa pure ‘a morte.