ritorno alle radici, di Graziana Zaccheo

Dolce è tornare
Nei luoghi della memoria
Vedere ad occhi chiusi
Sentire odore di casa.
La vita scorre fluida
Accelera e impenna
Ti allontana dall’essenza
Trova posto l’assenza.
Arriva poi un gesto
Una parola antica
Una voce sempre amica
Che ti riporta a te.
E ritorni alle radici
All’anima fanciulla
Alle risa fragorose
Alle lacrime di gioia.
Agli abbracci fraterni
Al calore degli sguardi
Al tuo essere autentico
Che innamora l’eterno.
Pubblicità