come le artiste si sono dovute fingere uomini per secoli per essere prese sul serio, di Jennifer Guerra

https://thevision.com/cultura/artiste-pseudonimo-maschile/ In I Love Dick, Chris Kraus parla della damnatio memoriae dell’artista Hannah Wilke, che usava i suoi autoritratti per raccontare l’oggettificazione del corpo femminile. La critica percepiva le sue performance come atti… Continua a leggere

Vota: