“Napolitudine (nostalgia di Napoli)” di Adele Libero

E pure si tiene sulo ‘na luggettella ,

piccerella, arò nun vire ‘o mare,

e pure si a matina ti aizà ampresso,

pe’ sturia’ comm’e ‘a fa pe’ campare,

pe’ arrivà a sera cu na lira,

pe d’a a mangià ‘e criature toie.

E pure allora si tu te ne vaie via,

siente nu dulore forte rinto o core.

Stanno luntano, pienze tutte e sere

o’ mare, e stelle e viche ra città,

e manco a Londra pareno belle

‘e strade, ‘a ggente, e tutta ‘a vastità.

Pure o turista ca vene pe nu giro,

se trova tutt’a ‘nu tratto affatturato,

chiagne nu poco, scatta n’ata foto,

mentre a nave s’alluntana, cagnato.

Se cagna pecchè ‘e visto ‘o paraviso,

pecchè Ischia e Capri so’ doi perle,

pecchè essa te riala nu sorriso,

a turne a casa ca ‘a felicità.

……………………………………………………..

Ed anche se hai solo un balconcino,

piccolo, da dove non si vede il mare,

e pure se al mattino t’alzi presto,

per giungere a sera con un soldo,

per ingegnarti su come fare per vivere,

per dar da mangiare ai tuoi figli.

E pure allora, se te ne vai,

senti un dolore forte nel cuore.

Stando lontano, pensi ogni sera,

al mare, alle stelle, ai vicoli della città,

e neanche a Londra sembrano belle,

le strade, la gente, e tutta la vastità.

Anche il turista che viene per un giro,

si trova tutto a un tratto affatturato.

piange un poco, scatta un’altra foto,

mentre la nave si allontana, cambiato.

Si cambia perché s’è visto il Paradiso,

perché Ischia e Capri son due perle,

perché lei ti regala un sorriso,

e torni a casa con la felicità.