“Il silenzio” di Antonietta Villano

 cella_imbottita da byoblu.

Non c’entro più qui dentro

ovunque mi rigiri urto contro le dure pareti di questa cella

il mio corpo è livido e calloso

insisto per uscire

busso, grido silenziosamente

nessuno potrà sentirmi

le teste intorno a me sono chine

forse se guardassero capirebbero

il mio grosso volume lambisce ormai le pareti della cella

solo qualche secondo e…ecco lo scoppio

un boato che si allunga per kilometri e kilometri

le teste che si alzano pigramente

guardano e riassumono l’antica posizione

forse le ho solo disturbate.

Annunci