Emily Warren Roebling e il ponte di Brooklyn, da me tradotto e rielaborato

 emily warren roebling

Emily Warren Roebling è stata, e lo è ancora, considerata la persona che aveva l’incarico della costruzione quotidiana del ponte di Brooklyn.

Concepito da suo suocero John A. Roebling il ponte di Brooklyn è uno dei più grandi progetti ingegneristici della storia americana. Nella seconda metà del 1800 non c’era una sfida più grande che attraversare l’East River da Brooklyn a New York.

Così nel 1869 John Roebling progettò il ponte di Brooklyn. Emily divenne coinvolta nel progetto quando suo suocero morì e suo marito Washington divenne il “master builder” del ponte. Allo scopo di aiutare suo marito per quel che poteva Emily iniziò a studiare argomenti di ingegneria civile come matematica, forza dei materiali, analisi di stress e costruzione dei cavi. Nel 1872 Washington si ammalò di una patologia che lo lasciò costretto a letto e parzialmente paralizzato.

Ora Washinton doveva contare su Emily per portare Avanti I progetti per il completamento del ponte. Emily divenne una partecipante così importante nel progetto che molte persone credettero che lei fosse l’ingegnere capo. Oltre a rispondere alle domande sul ponte di ufficiali e appaltatori Emily teneva tutte le registrazioni, rispondeva alla posta di Washingotn, consegnava messaggi e richieste all’ufficio del ponte e rappresentava Washington alle funzioni sociali.

Una delle funzioni sociali più importanti per Emily fu il meeting dell’American Society of Civil Engineers (ASCE). Vennero fuori domande sull’abilità di suo marito di guidare il progetto del ponte di Brooklyn e lei fece un commovente discorso a nome di suo marito che assicurava la sua posizione di capo ingegnere. Emily non progettò mai di diventare un ingegnere ma realizzò quella che può essere solo descritta come un’alta impresa ingegneristica per quel tempo.

http://www.engineergirl.org/Engineers/HistoricalEngineers/4425.aspx