Gro Harlem Brundtland, prima donna primo ministro norvegese, da me tradotto e rielaborato

 Gro-Harlem-Brundtland-008

Quando si guard ail CV di Gro Harlem Brundtland si stenta a credere che tutti questi lavori siano stati fatti da una persona. Dopo essere diventata medico è entrata in politica come ministra degli affari ambientali della Norvegia prima di diventare la prima donna primo ministro della nazione nel 1981. Lo è stata per due “terms” nominando delle donne per quasi la metà dei posti del suo gabinetto, un’eredità di questa quota informale è che circa il 40% dei posti governativi sono stati dati a donne da allora e la Norvegia è diventata la prima nazione a a sancire una quota simile per i “boardrooms”.

E’ diventata presidente della commissione delle Nazioni Unite sull’ambiente nel 1984 e il suo rapporto “Our Common Future”, che è diventato noto come il “Brundtland Report, ha dato una spinta alla responsabilità per l’ambiente nell’agenda internazionale. Nel 1998 è diventata direttrice generale del World Health Organisation. Ha deluso molti non candidandosi nuovamente alle elezioni ma è stata lodata per il suo lavoro sul controllo del tabacco, sul rendere le droghe accessibili alle nazioni povere, per il suo muoversi verso lo sradicamento della polio e per il suo condurre i leader mondiali a capire i link tra povertà e malattie come l’aids e la malaria. E’ membro delle Leaders Mondiali del Consiglio delle Donne ed è un’inviata speciale delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico. E’ riuscita anche agestire quattro figli.

http://www.theguardian.com/world/2011/mar/08/gro-harlem-brundtland-100-women