“Il tempo dei bambini ed altre ipotesi” di Beatrice Bausi Busi, recensione di Daniela Domenici

 beatrice_bausi_busi

“Empaticamente connesse da eoni di tempo”: così Beatrice Bausi Busi ha definito la nostra amicizia nell’acrostico da lei creato ad personam per me e che custodisco come dono privato e prezioso. E sulla scia di questa EMPATIA che ci ha legate da subito ho avuto il piacere di leggere la sua prima opera narrativa dopo aver letto e recensito la sua più recente un mesetto fa:

https://danielaedintorni.com/2014/04/19/calzature-situazioni-persone-di-beatrice-bausi-busi-recensione-di-daniela-domenici/

sono entrambe una silloge di racconti, la forma più appropriata, secondo la mia personale opinione, per Beatrice perché può così esprimere al meglio la sua eclettica varietà di interessi e di stili narrativi.

Questo testo che risale al 2008 è costituito da sei racconti brevi che hanno come fil rouge gli angeli sotto varie forme e nelle più diverse situazioni; ciò che rende queste storie ammalianti è innanzitutto l’animo bambino sempre pieno di curiosità dell’autrice che trapela e intride ogni storia e che la rende capace  d’inventare, soprattutto nel terzo raccontino “Esserini da compagnia” e nel quarto “Samocoa”, anche una lingua tutta sua, piena di originalissimi e fiabeschi neologismi che sembrano perfettamente appropriati alla storia narrata, come se invece fossero sempre esistiti.

L’altra caratteristica di questa silloge è l’ironia, sempre delicata, dell’autrice mescolata alla sua profonda fede che fa sorridere il cuore e la mente di chi si accosta ai suoi raccontini con la voglia di essere stupita/o.

Delizioso “A.Q.” che “trasforma” i tre arcangeli Michele, Raffaele e Gabriele in Angeli Quotidiani dal nome inglesizzato a ognuno dei quali viene affidata, da custodire, una persona “speciale” e “Lettera a un genio” in cui la protagonista ha un incontro “speciale” con il genio della celebre lampada.

Beatrice, sin dagli esordi, dimostra quindi quella stoffa da straordinaria narratrice-affabulatrice (com’è anche nella vita reale) che ha poi confermato con la sua silloge più recente (di cui sopra); concludo invitandovi ad “andare” col cuore a SAMOCOA che vuol dire “Salviamo il Mondo Con l’Amore”.

 

 

 

Annunci