“Ostia…che bravo l’istituto comprensivo Pirandello”, resoconto della prof. Daniela

 IMG_0429

Sono stati due giorni intensissimi, densi di gare e di momenti di svago oltre che di arricchimento culturale: le cinque prime medie della scuola media “Luigi Pirandello” insieme alla V A della scuola elementare Locchi, accompagnati da nove docenti (tra cui la sottoscritta…) sono andate a Ostia per una due-giorni-non stop perfettamente preparata, durante tutto l’anno scolastico, dai miei due colleghi di educazioni fisica.

Grazie alla splendida collaborazione degli atleti e delle atlete del settore sport della Guardia di Finanza, della Marina Militare e della Polizia che hanno fatto da “aiutanti” dei nostri ragazzi con dedizione e simpatia nel pomeriggio del primo giorno sulla spiaggia gentilmente “prestataci” dalla Guardia di Finanza i nostri allievi hanno “combattuto” a “beach flag” contro i parigrado di altre tre scuole provenienti da varie parti d’Italia con grande impegno e tanta emozione.

Alla conclusione di questa prima giornata ci sono state le premiazione dei primi tre di ogni batteria e poi alcuni atleti plurimedagliati delle tre forze armate si sono esibiti, davanti agli sguardi delle varie scolaresche, in esempi di salvamento a mare sia con la tavola da surf che con il torpedo per poi fare provare quest’emozione anche ad alcuni dei bambini.

In serata cena in uno dei ristoranti del lungomare di Ostia che ci ha servito con grande professionalità e calore umano, evidentemente abituato ad accogliere così tanti bambini insieme, e poi passeggiata sul pontile per rientrare all’ostello; anche per questa struttura vale quanto detto per il ristorante.

L’indomani sveglia molto mattiniera per essere pronti ad andare, nonostante l’improvvisa e violenta pioggia, alla piscina dove hanno avuto luogo le tantissime gare dei bambini delle varie scuole, qualcosa come novanta batterie di partenza che hanno messo a dura prova la bravura e la simpatica pazienza delle atlete della piscina e degli sportivi delle forze armate che, anche in questo caso, hanno fatto da “aiutanti” dei giovani nuotatori, emozionati e felici per quest’esperienza a cui i miei due colleghi di educazione fisica li avevano perfettamente preparati.

Dopo il pranzo al sacco consumato nel prato antistante l’ingresso alla zone archeologica di Ostia antica siamo entrati a visitarlo avendo come guida uno dei miei colleghi che insegna lettere che spiegato alcuni dei luoghi del sito archeologico concludendo la visita sulle scale del foro o capitolium su cui i nostri bambini hanno voluto essere immortalati dalla sottoscritta che ha fatto la fotografa amatoriale per due giorni.

Rientro in serata a Firenze e riconsegna dei pargoli, ancora adrenalici nonostante tutto, ai rispettivi genitori; come credo si evinca dalle mie parole è stata una gita d’istruzione che ha nutrito sia il corpo che la mente dei nostri allievi e sono felice di aver dato il mio contributo affinché tutto si svolgesse nel migliore dei modi.