I risultati delle elezioni provinciali 2014: Piemonte

elezioni provinciali 2014

In Piemonte si è votato per le provinciali ad Alessandria, Asti, Biella, Cuneo, Novara e Verbano, qui di seguito i risultati.

Alessandria: l’affluenza è stata del 78% nella sezione centrale e del 60% nelle sottosezioni. Il nuovo presidente è Rita Rossa, sindaco di Alessandria e candidata con una lista di centrosinistra, che ha battuto Paolo Borasio del centrodestra. (Fonte: Alessandria News)

Asti: il presidente della Provincia è Fabrizio Brignolo, sindaco di Asti, unico candidato con una lista bloccata costituita da dieci candidati al ruolo di consigliere per altrettanti posti disponibili. (Fonte: La Stampa)

Biella: Emanuele Ramella Pralungo è il nuovo presidente della Provincia. Dei dieci consiglieri, sei sono della maggioranza di centrosinistra: Massimo Biasetti (Trivero), Vincenzo Ferraris (Pollone), Paolo Galuppi (Biella), Paolo Rizzo (Biella), Giuseppe Faraci (Biella) e Mauro Ferraro Fornera. I tre consiglieri dell’opposizione sono: Franco Botta (Cossato), Enrico Moggio (Cossato), Federico Maio (Biella) e Gabriella Di Lanzo (Candelo). (Fonte: La Provincia di Biella)

Cuneo: Federico Borgna, sindaco di Cuneo e unico candidato alla Provincia, è il nuovo presidente. Lo hanno scelto 1326 sindaci e amministratori su 2802 chiamati alle urne, l’affluenza è stata dunque del 47,3%. C’era una sola lista con 12 candidati per 12 posti da consigliere provinciale, si tratta di: Claudio Ambrogio (Bene Vagienna), Mauro Bernardi (Borgo San Dalmazzo), Roberto Colombero (Canosio), Giorgio Lerda (Caraglio), Flavio Manavella (Bagnolo Piemonte), Annamaria Molinari (Castelletto Uzzone), Marco Perosino (Priocca), Rocco Pulitanò (Mondovì) Milva Rinaudo (Costigliole Saluzzo), Mario Riu (Caramagna), Bruna Sibille (Bra) e Ada Toso (Alba). (Fonte: La Stampa)

Novara: il presidente è Matteo Besozzi, candidato unico. L’affluenza è stata del 64,9%. (Fonte: OkNovara)

Verbano Cusio Ossola: l’affluenza è stata del 78,17% e il presidente eletto è Stefano Costa, sindaco di Baceno. Non poteva essere altrimenti visto che l’esponente del Pd era anche candidato unico. (Fonte: La Stampa)

da http://www.polisblog.it