“Il mio posto nel mondo” di Viola Maggio, recensione di Daniela Domenici

il mio posto nel mondo 

Ancora un libro che mi “chiama” da Amazon, ormai la mia personalissima sirena virtuale, che ho divorato in men che non si dica, che mi ha fatto sorridere e anche talvolta commuovere: questo è “Il mio posto nel mondo” di Viola Maggio (di cui non so assolutamente niente) che mi sembra perfetto per trarne una fiction televisiva o un film.

I protagonisti di questa storia d’amore dei nostri giorni sono Chiara, avvocata tirocinante, e Giulio, suo tutor allo studio legale; ma ci sono anche Vanessa, l’amica del cuore di Chiara, pasticcera creativa, ed Emanuele, il suo fidanzato, e ancora Davide, avvocato anche lui, che avrà un ruolo chiave (che non vi anticipo) nella parte finale della storia.

Bravissima l’autrice a delineare i ritratti psicologici dei protagonisti soprattutto attraverso i dialoghi scoppiettanti come fuochi d’artificio e perfetti nel ritmo mozzafiato, da fiction appunto.

I miei complimenti anche per la delicatezza nella descrizione dei momenti erotici che non scadono mai nella volgarità ma che descrivono magnificamente l’attrazione fisica tra i due protagonisti.