“Don Gennaro”, di Eduardo de Filippo, traduzione in italiano di Adele Libero

don-gennaro

 

For’ ‘o vascio, ‘o cusetore

nchim’ ‘o quarto ‘e na giacchetta.

‘A mugliera, ‘Onna Ntunetta

se vulesse appiccecà.

Sta nguttosa. S’è scetata

ca nun saccio che vulesse;

‘o marito l’accedesse…

nun se fida d’ ‘o guardà.

Don Gennaro l’ha capito:

nfila ll’aco, nchima, e aspetta.

” ‘E lassata sta scuppetta

ncopp’ ‘o tondo… adda sta llà?”

“Nonzignore”. “Nce sì gghiuto

a parlà p’ ‘o cuntatore,

ncopp’ ‘o ggasso?”. “Sissignore”.

“E nce ‘o càgneno?”. “Gnorsì”.

“L’accattast’ ‘o contagocce?”

“Sissignore”. “E che sì muto?

T’ ‘o teniv’ annascunnuto…

Addò sta?”. “Dint’ ‘o gilè”.

“Io stasera nun cucino,

stongo stanca e nun me cuoglie.

Faccio pane sal’ e uoglie…

Tu che ffaje: t’ ‘o mmangie?”. “Sì”.

“Nce l’ ‘e ditto a don Peppino

c’ ‘a mugliera, Mmaculata,

spann’ ‘e panne d’ ‘a culata,

e c’ ‘e stenne fin’ a ccà?

Nce l’ ‘e ditto?”. “Quann’ ‘o veco”…

“Nun l’ ‘e ditt’ ‘o riest’ ‘e niente!

Let’ ‘a nanze… ca me siente!…

Io mò vengo… …Mmaculàaaa!…”

…………………………………..

Don Gennaro (versione italiana di Adele Libero)

 

Fuori al basso, il cucitore,

impunta un quarto di giacchetta.

Ma sua moglie, ‘onna Antonietta,

si vorrebbe bisticciar.

 

Sta nervosa, s’è svegliata

che non so cosa vorrebbe,

suo marito ucciderebbe,

non lo vuol neanche guardar.

 

Don Gennaro l’ha capito,

infila l’ago, cuce e aspetta.

“Hai lasciata la scopetta

sopra il tondo, deve star là?”

 

“Nossignore” .”Ci sei andato

a parlar del contatore

sopra il Gas? ” “Sissignore”.

“Ce lo cambiano?” “Ma sì””

 

“L’hai comprato il contagocce?”

“Sissignore” “E che sei muto?”

Lo tenevi occultato?”

“Dove sta?” “Dentro al gilè”

 

“Io stasera non cucino,

sono stanca e non mi cogli,

faccio pane, sale o olio…

Tu che fai? Lo mangi?” “Si”.

 

Glielo hai detto a Don Peppino

che la moglie, Immacolata,

stende i panni di colata

e li stende fino a qua?

 

Glielo hai detto ?” “Se lo vedo”…

“Non gli hai detto proprio niente !!

Ma vai via, che ora mi sente!!!

Io mo’ vengo !!! Immacolàààààà !!!

 

 

 

 

 

Poesia del 1947, scritta da Eduardo de Filippo nell’ambito della raccolta “Il Paese di Pulcinella”, che riunisce molte poesie scritte nel dopoguerra.

Eduardo definisce l’attività di poeta come un diversivo da quella più importante di drammaturgo. Scriveva quando nella stesura di una commedia si trovava di fronte ad una insicurezza sulla trama da sviluppare, allora lasciava il copione e scriveva una poesia che, spesso, lo aiutava a dipanare i suoi dubbi.

Ma in seguito ha scritto anche e semplicemente perché ne aveva voglia.

Secondo me, “Don Enrico” è un piccolo capolavoro di psicologia: il marito ha compreso che la sua donna si è svegliata male e “sta nguttosa” (termine intraducibile perché comprende il concetto di nervosa, legata, pronta al litigio per sfogare la sua rabbia, insoddisfatta etc etc). Ma lui, cucitore abile anche con la moglie, toglie ogni motivo di litigio, con abilità e serenità.

Alla donna non resta che andare a cercare una bella lite con la vicina !!