“BoccadiRosa” di Lady P, recensione di Daniela Domenici

 boccadirosa

Ci vuole un grande dose di coraggio mescolato a una sfrenata fantasia per immaginare di mettere insieme il grande Faber, la Liguria con i suoi colori, odori e sapori e l’eros con la E maiuscola; Lady P ne ha da vendere di entrambi e infatti è riuscita a creare questo suo nuovo, piccolo gioiello che è un omaggio, come lei stessa scrive, a De Andrè e alla “loro” amatissima Liguria.

Lady P si è magicamente trasformata in BoccadiRosa, la protagonista della più celebre composizione di Faber, e si racconta con naturalezza, spontaneità, senza pudori o freni inibitori, dal momento in cui arriva nel “paesino” ligure, dopo un viaggio avventuroso, dove ci sono “le commari” che “non brillano certo di simpatia” fino a quando, scortata dai carabinieri, è costretta a lasciarlo, scende alla stazione successiva e partecipa alla processione insieme al parroco.

Straordinaria la perfetta simbiosi tra Lady P e Ylenia-BoccadiRosa che viene dall’isola greca di Pathmos, che ama fare l’amore per passione, non per noia o per dovere, e che per questo ha lasciato la sua isola ed è approdata casualmente in terra ligure della quale s’innamora perdutamente.

Ancora una volta Lady P si rivela una scrittrice raffinata ed elegante di erotismo ma non solo; dalle sue pagine emergono prepotentemente le note di Faber e i paesaggi dell’aspra e affascinante terra ligure.

http://www.amazon.it/gp/product/B01CX7E7OC?%2AVersion%2A=1&%2Aentries%2A=0

 

 

 

Annunci