“Giustizia a Napoli” di Adele Libero

giustizia a Napoli

 

Se sta scetanno ‘o sole, finalmente,

ll’aucielle fanno ‘e gire n’ coppo ‘o monte,

tutt’è cchiù fresco ‘e primma matina

l’alba ce porta ‘a brezza frizzantina.

Eppure quacche vota je vulesse

ca nu miracolo tutto cagnasse,

e ‘o raggio ‘e sole fosse overo d’oro,

pe’ chi nun tene niente: ‘nu tesoro.

Sule ‘e barbone, ca stanno mm’iezo ‘a via,

putessero piglià ‘sta fantasia,

a ggente ricca nu veresse niente

e a ‘sti ragge restasse indifferente.

Cussì cagnasse ‘o destine e‘ quante

s’arrangene da anne chine ‘e stente,

e ce fosse giustizia a mmane chiene

e forze a ggente se vulesse bbene.