L’ascensore, di Adele Libero

lascensore

 

E so’ rimasta dint’all’ascensore,

bloccata io co’ ‘nu bello signore,

ca subbeto è trasuto in imbarazzo

e ‘o naso ll’e s’è fatto paonazzo.

 

Io cercavo ‘e frase ‘e circostanza,

ca ‘s’usano quanno saje ‘a crianza,

ma cchiù ‘e buongiorno, salve o buonasera

nun sapevo che dicere, jersera.

 

Ma a un tratto ‘a cabbina s’è smuvuta

e jeva sotto e n’coppo, avveluta,

forze quaccuno ce steva a ce salvà,

ma l’ascensore jeva a ccà e ‘a llà !!

 

Io e ‘o signore steveme abbracciate,

pecchè ‘a paura c’aveva stregate.

Po’ finalmente fernesce a’ salita

e io “Piacere, songo Margarita”.

 

Isso surride e se leva ‘o cappiello,

chissà si nasce n’ammore cchiù bello !!

 

 

 

Annunci