Il muro – 10 febbraio ricordando le foibe, di Nuccia Isgrò

16473332_1737825763213712_6552875962717705085_n

Da piccola il muro era una scoperta,
una sorpresa continua,
presagio di gioia.
Spesso coperto da odorosi rampicanti
o da tenaci edere
al muro la palla si lanciava
e gioiosi strilli infantili condivideva.
A nascondino appoggio offriva
a chi contava sbirciando gli avversari,
e a “Un …due..tre stella”
prometteva sicuro arrivo…
Oggi il muro mi dà gran tristezza,
non più sinonimo di giochi
del dolore reca insegna.
Uomini arroganti marchiano confini,
dividendo razze, inneggiando superiorità
nascondendo la perduta solidarietà.
Davanti a un muro inorridisco,
con l’animo colmo di tristezza
ripenso a uomini giustiziati,
plotoni esecutivi,
pianti di bimbi,
futuro negato.
Gemo per la calpestata umanità.

Advertisements