Pasquetta nel prato, di Adele Libero

 

 

Ma che sta succerenno dint’’o prato?

Stamattina stanno tutte ‘nguttuse:

Madonna Margarita sta acquattata

comme si ‘o core suojo se fosse chiuso.

 

‘O marito, ‘o papavero, ha capito

e se mantene a ‘na certa distanza

‘e piccerille pure so già asciute,

e l’aria tutta è seria ‘e circostanza.

 

Ma a un tratto ‘o silenzio s’è stunato ,

l’aucielle ecco arrivano allarmate:

p’’a muntagna hanno visto, è sagliuto

n’’esercito ‘e famiglie entusiasmate!

 

Siccome ca è Pasquetta, tutte quante

mmiezo ‘e prate se vonno sbacantare,

se portane pruvviste ‘e rroba, e tanta,

e mo’ se mettene ‘o sole a mangiare !!

 

Gesù, povera ‘a me, fa Margarita,

mo’ me ne vengo tutta scamazzata,

si quacche scemo nun me coglie, pure,

penzanno ‘e regalarme ‘a fidanzata !

 

‘O papavero, l’iris, ‘e farfalle,

so’ tutte spaventate e suspettuse,

‘e sole ca se fanno mo’ ‘nu ballo

so’ ‘e furmicole: pigliene ogni cose.

 

‘A fine ‘e sta jurnata ‘a gente smamma

e lassa ‘o prato chine ‘e spazzatura,

Margarita è morta pe’ ‘na fiamma

e ‘o papavero lle dà ‘na sepoltura !!

 

Annunci