Bambine, di Adele Libero

Comm’era bello quanno, ‘a piccerella

me mettevo ‘e vestite ‘e mamma mia.

Erano troppo gruosse, ma p’’a via

me parevano ‘a veste pe’ rignà !

 

Po’ quanno essa turnava dalla spesa

e me truvava tutta apparicchiata

se la faceva ‘na bella resata

e m’aiutava c’’o trucco là pe’ là.

 

E pure si era estate c’’o cappotto

io me ne jevo a fa’ tante discorse:

tutte ‘e suddite llà erano accorze

e ‘a Reggina ‘a stevano a omaggià.

 

Era ‘o juoco cchiù bello e fantasioso,

pure ‘e notte si stevo dint’’o lietto

verevo sta Riggina ‘e rimpetto

ca salutava, felice, cià cià cià.

 

E mo’ ca songo ‘nu poco crisciuta

e mamma mia se n’è vulata via

m’è rimasto ‘a scrivere ‘a puisia

ca è nu ricordo ‘e tanto tiempo fa !

 

 

Annunci