‘Na bella coppia, di Adele Libero

 

Tu ire ‘a mamma per antonomasia:

t’arricurdave ‘e guste ‘e tutte quante,

chi ‘e vongole, ‘a pancetta, ‘e capesante,

e stive tutto ‘o juorno a cucenà.

 

E che Natale ca tu organizzave:

dolce e regale cu nu fiocco rosso,

e cibi prelibati a più non posso,

ca ‘na semmana erano abbastà.

 

Ma tuo marito criticava assaje,

pareva ca nun era maje cuntento,

difiette ne truvava ciento a ciento

e a mamma ‘a faceva ‘ntussecà.

 

“Marì, chistu rraù è troppo lasco,

e nun va niente chist’anno ‘a pastiera,

nun tene cchiù ‘o profumo ‘e primmavera,.

Va bbuò, ma dimme mo’ che chiagne a ffà!”

 

Ma chiste duette erano normale,

pure co’ tiempo nun l’hammo scurdate,

erano apposta pecchè ‘nnammurate

so state sempe, e pure all’aldilà.

 

apposta: per finta (quasi)

Annunci