Settembre di addii, acrostico di Adele Libero

 

Scuote il capino e trema la cicala

E fila i giorni, stanca del suo canto,

Terra ne vola ormai sul viale bianco,

Tanto che anche a riva spazza il vento.

 

E la ragazza che ti stava affianco

Muta s’aspetta che le corri incontro,

Baciandola fremente sulla sabbia,

Rubando da quegli occhi grigia nebbia.

Estate di ricordi il cuore intacca.

Annunci