accadde…oggi: nel 1591 nasce Settimia Caccini, di Nicotano

Settimia Caccini, compositrice e cantante, è la figlia più giovane di Giulio Caccini e sorella della celebre Francesca Caccini; a differenza di costei, però, negli ambienti musicali del suo tempo non assume mai ruoli da protagonista, appare sempre in una posizione più defilata rispetto a quella del marito, il cantante, compositore e poeta Alessandro Ghivizzani, e forse per questo molte delle sue opere non sono state mai pubblicate.
Settimia Caccini sin da piccola contribuisce alle attività musicali della famiglia. Appare in pubblico per la prima volta nell’opera di suo padre “Il rapimento di Cefalo”, rappresentata il 9 ottobre 1600 a Firenze in occasione delle nozze tra Enrico IV di Francia e Maria de’ Medici; nel 1602 partecipa alla rappresentazione dell’Euridice. Affermatasi come cantante di successo, interpreta il ruolo di Venere nell’Arianna di Claudio Monteverdi (Mantova, 1608); con la sorella Francesca, si esibisce a Palazzo Pitti nella “Mascherata di ninfe di Senna” di Marco da Gagliano, messa in scena per il carnevale del 1611.
Nel 1609 sposa Alessandro Ghivazzani; per qualche anno i due cantanti restano al servizio dei Medici, si trasferiscono poi a Mantova, alla corte del duca Ferdinando Gonzaga, e, nel 1622, a Parma, presso il cardinale Farnese. Nel 1632, alla morte del marito, Settimia Caccini fa ritorno a Firenze. Di lei, dopo il 1640, non si ha più alcuna traccia; si presume generalmente che sia morta intorno al 1638 e che abbia avuto una figlia, Settimia Ghivizzani, secondo alcuni riferimenti che appaiono fino al 1661.

https://diesisebemolle.wordpress.com/2014/04/06/settimia-caccini/

https://it.wikipedia.org/wiki/Settimia_Caccini

 

Annunci