‘A sissantina, di Adele Libero

E quanno po’ tu passe ‘a sessantina
sì certo ‘e verè tutte l’acciacche:
‘o core, ‘a pressione, ‘o surdiglino,
financo ll’uocchie c’hanno ‘e cataratte !

E allora s’hadda ‘ì addò duttore,
perdenno ll’ore pe’ ‘na mericina,
ll’analisi, ‘o responso che fa orrore,
‘o ginocchio ca duole ogne matina.

E allora io dico, si hamma sta quiete
restamme tutto ‘o juorno into ‘spitale,
almeno nuje nun ghiammo annante e arete
e llà simme comme ospite speciale !!

Annunci