Cancun, al Teatro Le Laudi di Firenze, recensione di Daniela Domenici

 

“Cancun è una pièce comica sui desideri inconfessabili dell’amore coniugale” recita la brochure di sala ma “Cancun” del commediografo catalano Jordie Galceràn che ha debuttato ieri sera al teatro Le Laudi per la perfetta regia di Paolo Santangelo è soprattutto un’originale e divertente esplorazione dei rapporti tra uomo e donna nel mondo contemporaneo.

La trama in breve: due coppie vanno in vacanza a Cancun per festeggiare la loro lunga amicizia ma imprevedibilmente s’innescano nuove dinamiche esplosive che rimescolano i ruoli; come andrà a finire? Quasi due ore di dialoghi al fulmicotone dal ritmo velocissimo provocano risate e applausi e conducono il pubblico verso un epilogo assolutamente inimmaginabile che naturalmente non vi riveleremo.

I miei più calorosi complimenti e ancora tanti applausi ai/lle bravissimi/e Eleonora Cappelletti, Marco Contè, Laura Martelli e Mario Salvaderi, perfettamente affiatati/e e in magica sintonia: hanno dato prova, anche in questa occasione (lo confesso, li/e ho applauditi/e varie volte negli anni scorsi) di classe attoriale e di grande ironia.

Si replica oggi pomeriggio e nel prossimo fine settimana, andate a Cancun, vi divertirete!!!

Concludo con un ringraziamento di vero cuore al teatro Le Laudi che mi ha accolto come recensora con tanto calore nei miei “anni fiorentini” e che continua a farlo ogni qualvolta mi ritrovi nella mia ex città in trasferta da Genova.

http://www.italianotizie.it/2018/02/25/cancun-al-teatro-le-laudi-firenze/

 

 

Annunci