A Napoli, di Adele Libero

E’ ccà, tra ‘e bancarelle de’ pasture,
ca ‘o core tuojo se sceta ogne matina,
e doppo ‘o sole piglia assaje culore
e manna ‘e ragge d’oro, d’oro fino.

Arriva pure ‘a mamma c’’o bambino
e corre pecchè se fa tarde a scola,
‘o juaglione saluta c’’a manina,
e sta città risponne da ogne aiuola.

‘E buss songo affollate, chine chine,
a ggente dinto soffoca ‘e surore
s’arape ‘a porta, stamme a Margellina,
‘na femmena è svenuta p’ ‘o calore.

E scugnizzielle stanno n’coppe ‘e scoglie,
se godono a jurnata ‘e primmavera,
nu tale arriva e s’abbraccia ‘a moglie,
rire p’ ‘a via, guarda ‘stu cielo e spera !

 

Annunci