Gli amanti di Botero, di Adele Libero

Pure stasera nuje faccimme ‘o lento,
‘o ballo cchiù ‘ntrigante e malandrino,
m’astrigne tu, e stamme assaje vicino
e ‘o core m’pietto pare ‘e sta a scuppià.

Ma ‘a vote tu me daje ‘na scarpesata,
e i’ sussulto e faccio ‘nu saltello,
tu nun capisce e faje cchiù ‘o trasetiello,
e ‘o pere sotto ca me sta a cantà.

Sì bello tu stasera, ca ‘a cravatta,
‘e capille allisciate, ‘e scarpe belle,
peccato ca i’ veco pure ‘e stelle
pecchè tu tanta passe staje a sbaglià.

Si torno ampresso ‘a casa so’ sicura,
m’haggia scarfà ‘nu pediluvio bello,
e po’ m’’e metto a bagno, senza ‘mbrello,
e chesto è ‘o scotto ca s’hadda pavà.

 

Annunci