maggio, acrostico del precario, di Adele Libero

Mi sbatto tutto il giorno e mi strabuzzo,
arrabattando il pranzo con la cena,
grazie alla mamma ce l’ho ancora un tetto,
gradito lì mi sento dopo tutto.
Inutile pensare al mio domani,
ormai dispero e i sogni sono vani