maggio, acrostico dell’anziano, di Adele Libero

Mi sento come un tronco sulla rena,
abbandonato al palpito del mare.
Guardo laggiù la porta del passato,
girando i giorni intensi del lavoro.
Invece adesso vivo sul divano
odiando sia la tele che il destino.

Annunci