Il miracolo segreto, di Andrea Masotti, recensione di Daniela Domenici

“…distruggerei anche la mia (immagine), il quadro patetico di chi ha voluto a tutti i costi una figlia per crescerla da solo. Sono certo di aver commesso una leggerezza fatale ma sono anche convinto che solo lei dia senso alla mia vita…”: in queste poche parole è racchiuso, secondo me, il messaggio, commovente e straordinariamente vero, di questo splendido libro di Andrea Masotti, medico e scrittore, il cui protagonista è Roberto, un uomo che vive in provincia, che fa l’ impiegato in una concessionaria e che ha scelto di tenere con sè la figlia mentre la madre, Valeria, ha voluto perseguire i suoi obiettivi di carriera andandosene all’estero; tra alti e bassi, difficoltà enormi ma anche tante dolci soddisfazioni, prosegue nel suo cammino di Padre con la P maiuscola. Sua figlia si chiama Alice ed è in piena adolescenza, un momento notoriamente di passaggio, oltremodo arduo da gestire soprattutto quando lei comincia a soffrire di disturbi alimentari.

Per aiutarla Roberto decide di andare a cercare Valeria ma…non vi racconto altro per lasciarvi immergere e avvolgere dalla magia di questa storia raccontata dall’autore attraverso moltissimi dialoghi dal ritmo veloce, quasi da giallo, frasi brevi e dense di aggettivi e qualche flashback che aiuta a ricostruire il passato di Roberto come grande promessa del calcio; ritroviamo due dei suoi migliori amici dell’epoca, Paolo e Pierre, che gli sono molto vicini in questo momento, rivediamo il suo ex allenatore Veniero, conosciamo la madre di Roberto e i genitori di Valeria e tanti/e altri/e ancora.

Quale sia il miracolo segreto che dà il titolo al libro lo scopriremo solo nelle ultime righe che sono intrise di gratitudine, sono un messaggio positivo pieno di colore e suoni che ci lascia con il sorriso nel cuore: bravo Andrea!

Annunci