noi siamo il pericolo, di Loredana De Vita

We Are the Danger

Non posso che essere felice perché un aspirante dittatore sia stato sconfitto e ridotto alla sua stessa vergogna. Tuttavia, ciò che temo è lo spirito delle persone che hanno dato il loro consenso a un tale personaggio e sono anche spaventata dal silenzio indifferente di coloro che gli hanno concesso di governare sulla loro intelligenza.

Ecco perché affermo che sebbene quell’uomo crudele sia fuori, noi non siamo fuori dal pericolo poiché noi siamo il pericolo stesso.

No, non è una esagerazione!

Penso che dovremmo riflettere sui motivi che hanno permesso a tutto questo di accadere, perché, si sa, sebbene si incontrino persone che sono arroganti e bugiarde, la loro arroganza e la loro falsità non avrebbe possibilità di crescere se non la nutrissimo con la nostra disattenzione.

Ci sono lezioni che non vogliamo imparare o che siamo così pieni di noi stessi e delle nostre certezze da non comprendere che si possono ripetere. A parole diciamo MAI PIÙ, ma molto spesso nelle piccole cose dimostriamo il contrario. Ci sentiamo sicuri che cose cattive non possano più accadere poiché confidiamo nell’intelligenza e nella capacità degli altri, ma questo non funziona sempre. Dovremmo essere più coscienziosamente vigili.

Dovremmo essere consapevoli del nostro ruolo nella società, nelle scelte quotidiane e nella vita nella sua interezza (persone e natura) affinché non possa esserci venduto nulla come se fosse il meglio mentre invece è il peggio. Non dovremmo scaricare la colpa e la responsabilità su quelli che ci è stato fatto credere che sono i nemici mentre potrebbero rivelarsi i nostri amici. Dovremmo assumere su noi stessi uno sguardo più saggio verso le persone e le situazioni ed essere i protagonisti di quel mondo pacifico che non ho ragione di dubitare che ciascuno desideri.