accadde…oggi: nel 2017 muore Maria Matilde Principi, di Ariane Dröscher

http://scienzaa2voci.unibo.it/biografie/63-principi-maria-matilde

Nata a San Mariano, vicino a Perugia, il 4 maggio 1915, la vita di Maria Matilde Principi si svolge quasi interamente a Bologna. La madre, Paolina Paletti, e il padre, il geologo Paolo Principi, pongono molta cura nell’educazione dei figli. Paolo era assistente di Arturo Issel (1842-1922) a Genova, ma torna nel 1928 a Perugia, quando egli sale sulla cattedra universitaria di geologia applicata.

Nel 1933, ottenuta la maturità classica, Maria Matilde si iscrive alla Facoltà di agraria. Quattro anni dopo consegue la laurea con una tesi sui neurotteri crisipodi dell’Umbria. Nel 1938 vince un concorso per una borsa di studio del Ministero dell’agricoltura e delle foreste. Membro della commissione è l’entomologo Guido Grandi (1886-1970) che la invita a trasferirsi nel suo istituto bolognese. Qui ella consegue la specializzazione, mentre viene nominata nel 1948 assistente e nel 1951 aiuto. Lo stesso anno ottiene anche la libera docenza in entomologia.

Nel 1958 vince il concorso per la cattedra dello stesso Grandi, lasciata libera per raggiunti limiti di età. Diventa altresì direttrice dell’istituto e, dal 1970, della rivista «Bollettino dell’istituto di entomologia Guido Grandi». Più tardi assume pure la direzione della Scuola di specializzazione di fitopatologia, fonda e coordina il dottorato di ricerca in entomologia agraria. Raggiunti i limiti di età è nominata professore emerito dell’Università di Bologna. Da quel momento, si dedica alla cura della sorella gravemente malata.

Ha ricevuto numerosi riconoscimenti, come la Medaglia d’oro ai benemeriti della scuola, della cultura e dell’arte. È stata nominata accademica di numerose accademie, quali l’Accademia delle scienze dell’Istituto di Bologna, l’Accademia nazionale italiana di entomologia, della quale fu vice-segretario dal 1960 al 1978, l’Accademia dei Georgofili e l’Accademia nazionale di agricoltura. L’Accademia delle scienze ceca le ha conferito un invito ufficiale per un soggiorno di ricerca nella Repubblica ceca.