‘O presepe ‘e casa mia, di Adele Libero

Che bello era ‘o presepe ‘e casa mia,
creriteme nun ce ne stanno eguale,
papà, già molto primma d’’o Natale
accummenciava a ffà chesta puisia.

Cu l’asticelle ‘e legno ca nchiummava
faceva na struttura grande assaje,
cu ‘a colla po’ llà tutte l’incullava
foglie ‘e giurnale e carta d’’e pastaje.

E doppo isso pittava sta creazione:
a grotta griggia, ‘o cielo sempe blu.
casette addeventava, che invenzione,
a scatula ‘e sciroppo ca c’hai tu.

‘E ‘lluce erano tante e proprio tante,
a grotta me pareva ‘nu tiatro,
l’oste invitava a ggente a trasì dinto
e ‘a lavannara steva fore ‘o prato.

Ma quante e quante erano ‘e pasture,
ogne anno ne pigliava nuove piezze ,
accussì stu presepe p’ore e ore
tu putive guardà senza amarezze.

E m’arricordo ‘o gatto, friddigliuso,
scustava cu’ a zampetta ‘o Bambeniello
e occupava ’a grotta co’’o sorpuso,
facennose scarfà dall’asinello.