Addio al nubilato, film 2021, regia di Francesco Apolloni, recensione di Daniela Domenici

Ancora un film scelto casualmente tra i gratuiti di Amazon Prime che ha incontrato il mio gusto e che mi ha fatto sorridere, tanto, e commuovermi, altrettanto, soprattutto nelle scene conclusive. Nonostante le recensioni trovate sul web abbastanza discordanti e alcune decisamente negative la sottoscritta promuove il film a pieni voti.

Il soggetto è di Francesco Apolloni che è autore anche della sceneggiatura insieme a Fabrizio Nardi, il film è tratto dall’omonimo spettacolo teatrale dello stesso Apolloni e ha come bravissime protagoniste, in ordine alfabetico, Laura Chiatti, Chiara Francini, Jun Ichigawa e Antonia Liskova.

L’idea alla base del film è davvero particolare; cinque amiche del cuore ai tempi del liceo si ritrovano venti anni dopo perché una di loro, Chiara, vuole dare l’addio al nubilato in un modo originale e ha invitato le sue ex quattro amiche. Per loro ha immaginato una sorta di caccia al tesoro che le porterà al momento clou della festa ma che, soprattutto, servirà per chiarire, non sempre in modo facile e indolore, gli “scheletri nell’armadio”, le cose non dette che si portano dentro da venti anni.

Per questo film divertente e scoppiettante Apolloni ha immaginato un finale assolutamente inaspettato, molto struggente; bravo Adrian Gaeta nel ruolo di Ambrogio, Thierno Thiam in quello di Teddy, Emma Matilda Liò in quello della figlia di Chiara Francini e Nina Fotaras in quello di Chiara.