Archivio categoria: monologhi

il mio sito, composizione in rima baciata di Daniela Domenici

amiche e amici con affetto v’invito: venite a trovarmi nel mio sito,  un salotto culturale, non reale ma virtuale; molti argomenti sono a vostra disposizione se a loro dedicherete un po’ d’attenzione, se… Continua a leggere

Vota:

Glam City, al Teatro della Tosse di Genova, recensione di Daniela Domenici

Ieri per la seconda serata del Life Festival, rassegna di cultura LGBTQI, la sala Dino Campana del Teatro della Tosse si è trasformata nella città di Catania grazie a “Glam City”, monologo tratto… Continua a leggere

Vota:

Abracadabra – Incantesimi di Mario Mieli, al Teatro della Tosse di Genova, recensione di Daniela Domenici

Ieri era la giornata internazionale contro l’omo, bi e transfobia e al Teatro della Tosse di Genova è iniziato il Life Festival, rassegna di cultura LGBTQI, con “Abracadabra” di e con Irene Serini.… Continua a leggere

Vota:

Sento la terra girare, al Politeama Genovese, recensione di Daniela Domenici

  Teresa Mannino mi perdonerà se inizio questa mia recensione con due modi di dire inglesi ma ci ha scherzato anche lei all’inizio dello spettacolo: ieri sera al Politeama Genovese c’era il sold… Continua a leggere

Vota:

La Duchessa di Galliera, al Teatro di Villa Duchessa di Galliera a Voltri, recensione di Daniela Domenici

Nonostante l’allerta meteo arancione sono voluta andare in quel gioiello della fine del 1700 che è il teatro dentro la villa Duchessa di Galliera a Voltri e come me hanno fatto un centinaio… Continua a leggere

Vota:

accadde…oggi: nel 1973 Franca Rame fu violentata. Il suo monologo “Lo stupro”

29 maggio 2013 – Franca Rame ha sempre dato voce alle donne. Qui, nel giorno della sua morte, vogliamo ricordarla per Lo Stupro, il monologo che scrisse nel 1975 e poi portò coraggiosamente… Continua a leggere

Vota:

Me ne vado, di e con Marcela Serli, al teatro Bloser di Genova, recensione di Chiara Germak

  ME NE VADO- Di e con Marcela Serli   Mamma mia dammi cento lire che in America voglio andar. Un amplificatore, una barca. Un copione che non ne vuol sapere di parlare… Continua a leggere

Vota: