Meglio tarde che mai al teatro Lumière di Firenze, recensione di Daniela Domenici

Ancora uno spettacolo–gioiello al teatro Lumière di Firenze grazie alle scelte del suo direttore artistico Marco Predieri che questa volta è riuscito a sostituire, con perfetto tempismo, lo spettacolo di un’attrice che ha… Continua a leggere

Vota:

L’insegnante di sostegno di Adele Libero

Esser di sostegno, un compito gravoso, impensabile, a chi è nel bisogno, a chi non è del tutto abile. … Essere nuova forza, per primo per se stessi, allentando le abitudini, smussando la… Continua a leggere

Vota:

Poesia per Daniela di Enza Doria

ieri l’amica Enza dal Belgio mi ha mandato a sorpresa questo suo omaggio per me, non me l’aspettavo, mi ha commosso…) A una donna speciale, a una donna solare, a una donna piena… Continua a leggere

Vota:

Sibilla di Adele Libero

Mi chiamano Sibilla, lenta scorre la vita qui, nella mia ampolla, dove un tempo qualcuno, forse il mio amore, mi ficcò, come una stella. … Brillo, nel mio antro scuro, nero come la… Continua a leggere

Vota:

Meglio tarde che mai al teatro Lumière, recensione di Fausta Spazzacampagna

Quando l’arte si presenta su un palcoscenico non c’è bisogno di mezzucci perché le risate siano vive e inarrestabili. Tanta musica e poche parole e un concerto di musica classica, in cui una… Continua a leggere

Vota:

Pranzo per il compleanno di Nino di Daniela Domenici

Per una volta la mia filastrocca…gastronomica riguarda una conviviale parentale domestica del cui ricco menù e puntigliosa realizzazione il marito e io abbiam curato …l’orchestrazione! Due primi saporiti e gustosi a cui gran… Continua a leggere

Vota:

Vuoti a perdere – Fossoli viaggio senza ritorno

Al teatro Puccini di Firenze martedì 22 gennaio ore 21.00 la Compagnia Centrale Produzioni presenta “Vuoti a perdere – Fossoli viaggio senza ritorno”, una nuova produzione 2013 per la Giornata della memoria, un… Continua a leggere

Vota:

Foglie di Adele Libero

Esagerato sentimento, dentro al cuore, spaccato, appena a te io penso, come tarlo affamato. … Te, che di me non ti curi, come delle tue stesse vene, delle tue braccia, dei tuoi occhi… Continua a leggere

Vota:

Paura di volare di Lady P

Si dipanano luci tra gli ostacoli ovvi dell’anima … piano risalendo le rupi di esistenze rocciose incatramate di errori e incoscienze … noi equilibristi di cielo su un filo di albore sottile con… Continua a leggere

Vota: