La sedia del custode, di Bahaa Trabelsi, traduzione di Tiziana Prina, edizioni Le Assassine, recensione di Daniela Domenici

“…Mia madre si è presa cura di me. Mia madre, quella ribelle. Mia madre che mi ha insegnato la cultura, la diversità, i diritti umani e le libertà. Mia madre che ho finto… Continua a leggere

Vota: