“Raccontami la vita”: la mia prima recensione in rima di Daniela Domenici

Oggi mi è giunta una sorpresa assai gradita

lo splendido libro di favole “Raccontami la vita”

dal carcere di Spoleto l’ho ricevuto

in cui ogni favolista è detenuto

molte delle fiabe sono in rime alternate

e su varie emozioni e sentimenti sono create

c’è l’amicizia, l’amore, la famiglia e la lealtà

c’è il rispetto, il perdono, la paura e la libertà.

Questa filastrocca è stata da me, or ora, creata

e a voi, formidabili favolisti “ristretti”, regalata

per dirvi “grazie” di cuore per i sorrisi e l’infinita emozione

che con le vostre parole mi avete regalato a profusione.

Un bravo speciale al filastrocchista Giovambattista Scarfone e al favolista Giuseppe Perrone ma anche a tutti gli altri autori: Giuseppe Barreca, Giuseppe Buonerba, Antonio Dragone, Giovanni Tropea e Mario Trudu

Daniela Domenici

E concludo con alcune parole tratte dalla prefazione di Chiara Napolini che ha tenuto il corso di scrittura creativa da cui è scaturito questo libro-gioiello: “…la fantasia che fa esprimere l’anima. La fantasia che dà voce al pensiero…la fantasia che disegna la creatività…salviamo allora la fantasia, teniamoci stretta la creatività e le sue nuvole colorate, ricordiamo sempre il bambino che è in noi…”: grazie Chiara e grazie ai “tuoi” splendidi artisti, voglio ringraziarli e abbracciarli con questa mia recensione-filastrocca per le emz<ioni che mi hanno regalato.