O’ cafè di Adele Libero

Pigliammece sta tazzulella,

stammatina!

‘O cielo è terso,

Capri è cchiù vicina.

Respiro forte,

st’aria fresca e fina

m’arape a porta

de’ pensiere

stu mare turchino.

M’abbrucia l’uocchie ‘o sole,

me fa sentì cchiù solo,

tu si’ partuta aiere,

p’Ammerica, nu volo.

Vuò fa’ l’attrice seria,

vuo’ essere importante,

e m’è lassato spisso

scunsulatamente.

Ma po’ tu si turnata,

chiagnenno comm’a stella,

m’è ritto, aggio sbagliato,

turnammo n’zieme,

è bello.

Facimma pace, allora,

fora a sta luggetella,

pigliannoce ‘o cafè,

Napule è sempe bella!

………………………………………………..

Il caffè

Prendiamo questa tazzina,

stamattina.

Il cielo è terso,

Capri è più vicina.

Respiro forte,

quest’aria fresca e fina,

m’apre la porta

dei pensieri

questo mare turchino.

Mi brucia gli occhi il sole,

mi fa sentir più solo,

tu sei partita ieri,

per l’America, un volo.

Vuoi far l’attrice seria,

vuoi essere importante,

e mia hai lasciato spesso

sconsolatamente.

Ma poi tu sei tornata,

piangendo come una stella,

mi hai detto: ho sbagliato,

torniamo insieme

è bello.

Facciamo pace allora,

fuori a questa loggetella

pigliandoci il caffè,

Napoli è sempre bella!

Annunci