Quelli della Time Out, poetico resoconto di Roberto Alunni sulla 41esima GuardaFirenze

time out firenze

Gli oscuri presagi meteo si manifestano alle 8 e 45, goccioloni ci costringono a rifugiarci sotto i tetti e le tende dei negozi all’angolo di Piazza S. Giovanni.

Siamo tanti, le maglie sono bianche, le scritte rosse, siamo noi, quelli della TIME OUT.

Alle 9 e 15 le speranze affiorano nei nostri animi, finché lo sparo esorcizza e squarcia le nuvole, inizia la danza, parto tranquillo perché i lastroni sono viscidi e scivolosi, Ponte Vecchio, Via dei Serragli, il gruppo Time Out si frastaglia ognuno con il suo passo, ci sono i nostri colori in ogni angolo del percorso.

Porta Romana ci aspetta e ci lancia lungo le asperità dei viali per il piazzale, gli alberi sono verdi come non mai, il profumo delle piante ti entra nelle narici, è intenso e piacevole, si sale curva dopo curva, lo spettacolo è emozionante, lo scenario che Firenze ci regala dall’alto è stupefacente, al 6 km il ristoro ci rinfresca e ci catapulta in discesa, Piazza Ferrucci-il Lungarno, Ponte Vecchio, Via Calzaiuoli e Piazza Duomo l’arrivo.

Tanti sono già arrivati, altri arriveranno, i volti sorridenti ti appagano del lavoro fatto per preparare tutto questo, perché per noi della Time Out questa non è una corsa, questa è la nostra corsa, l’appuntamento che ogni anno ci consente di partecipare tutti (competitivi e non) a un avvenimento che è diventato per noi una tradizione.

I giochi sono fatti attendiamo la premiazione tra le palestre che ci regalerà il secondo posto, siamo tanti, talmente tanti che non stiamo sul palco, siamo noi, quelli della TIME OUT.

Non mi resta che salutare, ma soprattutto ringraziare tutti quelli che hanno contribuito a rendere questa giornata simpatica e divertente.

Un grazie particolare a Nino e Andrea i quali, oltre all’importante collaborazione, hanno corso insieme a Donatella, new entry del team e Alessandro, in costante progresso;

a Carolina, simpaticissima, con le sue cuffiette e sempre con noi in questa giornata;

a Valerio, Maurizio, e Donata, disponibili a buttarsi sempre nella mischia;

a Leonardo mezzo influenzato, ma sempre veloce;

a Nuan infreddolito e Ashela il più giovane tra i top, entrambi sempre sorridenti;

a Laura, camminatrice instancabile e Anna, che non è potuta venire ma ci avrà sicuramente pensato;

a Gabriele e Federico, che si uniscono sempre al gruppo con spirito e determinazione,

a Jennifer felicissima all’arrivo;

a Rochan che ci fa sempre disperare per iscriverlo, ma che motore ragazzi!;

a Isa che si allena sempre con noi con impegno, costanza e con eccellenti risultati;

all’amico Massimo che ho rivisto con piacere dopo tanto tempo;

a Piero che purtroppo si e ammalato, ma complimenti a suo figlio Lorenzo.

Un grandissimo grazie lo dedico a chi ha partecipato per la prima volta:

a Mattia che ha scortato Eleonora, arrivata solitaria con il Duomo alle spalle in un’immagine bellissima: bravi!;

a Paolo e Shirley che si sono impegnati alla grande con grinta e tenacia;

a Francesco e Donato e ai loro bambini Gabriele e Manuel che hanno terminato tutto il percorso

(incredibili).

Un grazie enorme ad Alessandro che ci stimola, ci incoraggia e ci supporta con le magliette;

un grazie di cuore a Daniela che ha svolto un lavoro encomiabile con foto prima durante e dopo;

un grazie speciale a Elisa, Samali e Simone che ci hanno aiutato con le iscrizioni;

un grazie immenso a tutti quelli che hanno sorriso, sudato,

ma soprattutto si sono divertiti, identificandosi in un gruppo, il nostro gruppo,

quelli della TIME OUT

Un piccolissimo grazie anche a me per la passione e l’impegno, ma soprattutto perché questa è…

MY LIFE

MY STYLE

MY TIME OUT

ROBY

Annunci