“Nuttata” di Adele Libero

 

 Nuttata

Nuttata chiara, pura e senza luna

‘e lluce d’à città songo lampare,

e filtrano into ‘o vico ‘nu chiarore,

c’aiuta ‘a piglià suonno a chi è sulo.

Sta sola ‘a sposa senza l’ommo sujo,

ch’è gghiuto a faticà n’terra straniera,

sta sola ‘a mamma doppo che ‘e guagliune

se so spusate e stanno ‘a casa lloro.

E’ ffoto fanno tanta cumpagnia,

ma a voce o n’abbraccio sfama ‘a fame.

E scoppia ‘o core p’a malincunia

(stasera nun ce sta nemmanco ‘a luna).