“Il paese delle fiabe sbagliate” di Laura Palumbo, recensione di Daniela Domenici

 il paese delle fiabe sbagliate

Come poteva resistere al richiamo di questo libro la sottoscritta che ama fiabe e filastrocche e che, nonostante l’età anagrafica da nonna, conserva e coltiva la sua anima bambina…e infatti mi ci sono immersa con infinito piacere e nonostante la mole non indifferente l’ho divorato in poco tempo innamorandomene subito e fino alla fine.

Come mio solito non sapevo niente dell’autrice prima di leggere la sua opera né avevo letta alcuna delle tante recensioni da lei già ricevute su Amazon.

È un libro bellissimo, perdonatemi l’aggettivo al superlativo, in cui ho trovato echi di Alice nel paese delle Meraviglie e di Harry Potter ma non solo e il cui protagonista è un bambino, Martino, che si trova catapultato all’improvviso, senza rendersene conto, in un luogo magico che è, appunto, “il paese delle fiabe sbagliate” dove vivrà infinite avventure insieme al mago Org e alla sua Barba, al principe Azzurro, al re Agatone e alla regina Giunchiglia, al ciambellano Pinguino, alla principessa Fiò e ai sui genitori, alla strega Bofonchia e agli innumerevoli, stupendi personaggi creati dall’inesauribile fantasia di Laura che, leggo nella sinossi, “…nella vita reale è avvocato, ma in un’altra, quella che preferisce, adora gli animali, la musica e il ruolo di zia. Ha scritto il suo primo libro per bambini, IL PAESE DELLE FIABE SBAGLIATE, per allenare il suo cervello su un percorso nuovo e senza vincoli, respirare aria fresca e divertirsi, in pratica per sentirsi libera. Abbiamo tutti bisogno di antidoti, e questo ha funzionato così bene che pensa di scriverne altri”.

E Laura ha fatto respirare anche a me tanta aria fresca e mi ha fatto divertire per tutte le 352 pagine del suo libro, regalandomi sorrisi ininterrotti soprattutto con i buffi incantesimi del goffo mago Org, il mio preferito in assoluto, ma anche con la personificazione di animali e oggetti, l’oca Giuliva, il cespuglio, la Barba e tanto altro ancora.

Non vi svelo cosa accadrà a Martino, lo scoprirete solo chiudendo gli occhi ed entrando, col cuore aperto, dentro il paese delle fiabe sbagliate…