“La favola incompiuta” di Mariolina Reccola, recensione di Daniela Domenici

 41xlQRxstFL__BO2,204,203,200_PIsitb-sticker-v3-big,TopRight,0,-55_SX324_SY324_PIkin4,BottomRight,1,22_AA346_SH20_OU29_

La favola incompiuta che dà il titolo a questo libro, opera prima di Mariolina Reccola, non è una favola ma una storia vera: è il racconto dettagliato e appassionato del grande amore che ha legato la protagonista a suo marito per ben 42 anni.

Ed è incompiuta perché a differenza delle favole non ha un lieto fine: Angelo, l’amore di Mariolina, è venuto, purtroppo, a mancare lasciando incompiuta, appunto, la loro favola, tutto quello che avevano costruito insieme con fatica, sacrifici e tanto amore e che lei ora tenta di continuare, seppur con fatica, oltrepassando ostacoli, sempre pensando al suo Angelo.

La storia di Mariolina e Angelo si svolge in Puglia ed è intrisa anche di un profondo amore per la natura in tutti i suoi aspetti, per la terra e i suoi frutti e per uno stile di vita semplice ed essenziale che ha caratterizzato i 42 anni di Mariolina e Angelo insieme.