“Che cos’è un tatuaggio?” tratto da “Gaspare, Melchiorre e Baldassarre” di Michel Tournier, traduzione di Maria Luisa Spaziani

51BaYrPdJiL__SX328_BO1,204,203,200_

Dato che ho un figlio tatuatore e dato che sia lui che l’altro figlio e anche la figlia sono tutti/e tatuati/e mi ha colpito, e dedico loro, questa riflessione che ho trovato a pag.46 dell’affascinante libro (che sto leggendo) di Michel Tournier

“…ne tengo quando scelgo i miei uomini…un tatuato non mi ha mai tradito”.

Strana metafora che identica tatuaggio e fedeltà!

Che cos’è un tatuaggio? È un amuleto permanente, un gioiello vivo che non si può togliere perché si è fatto consustanziale al corpo. È il corpo fattosi gioiello che partecipa dell’inalterabile giovinezza del gioiello…un corpo tatuato: più puro e più preservato di un corpo non tatuato. Quanto all’anima del tatuato essa partecipa dell’indelebilità del tatuaggio e la traduce nel suo linguaggio proprio per trasformarlo in virtù di fedeltà. Se un tatuato non tradisce è perché il suo corpo glielo vieta. Appartiene indefettibilmente all’impero dei segni, sigilli e segnali. La sua pelle è logos…ma il tatuato non parla, non scrive: è scrittura e parola…”