Scoperto l’edificio per Hatshepsut, la prima faraona d’Egitto, di Kacey Deamer, da me tradotto e rielaborato

stone-block-queen-hatshepsut

Blocchi di pietre antiche che ritraggono la regina Hatshepsut sono stati scoperti sull’isola Elephantine in Egitto e forniscono visioni sui primi anni del suo regno, ha annunciato il ministro egiziano per le antichità. I blocchi possono essere stati parte di un edificio che serviva come stazione intermedia per una divinità egiziana antica.

Su vari di questi blocchi è rappresentata la regina Hatshepsut come una donna, secondo il ministero, suggerendo che i blocchi e l’edificio da cui provenivano fossero stati eretti durante la prima parte del regno della prima faraona che durò dal 1473 a.C al 1.458 a.C. In seguito durante il suo regno la regina venne ritratta come un uomo.

Menzioni della regina Hatshepsut sono state cancellate e i monumenti con la sua immagine sono stati deturpati dopo la sua morte e la sua figura femminile è stata rimpiazzata da immagini di un re: il suo defunto marito Thutmose II. Si pensa che il suo co-governatore e figliastro/nipote Thutmose III abbia ordinato il cambiamento.

Era inusuale per una donna diventare faraone d’Egitto. Come l’egittologo Ian Shaw ha notato nel suo libro “Exploring Ancient Egypt” nell storia dell’Egitto durante il periodo dinastico (dal 3.000 al 322 a.C) ci sono state solo due o tre donne che hanno cercato di governare come faraone piuttosto che esercitare il potere come “la grande moglie di un re”.

E fu anche una costruttrice: nel suo articolo del National Geographic su di Hatshepsut “The King Herself” Chip Brown ha scritto sulla sua eredità e ha detto che è stata “una delle più grandi costruttrici in una delle più grandi dinastie egiziane”. Durante il suo regno Hatshepsut ha eretto e rinnovato molti templi e santuari agli dei.

Infatti i blocchi appena trovati facevano probabilmente parte di un edificio precedentemente sconosciuto della regina Hatshepsut che è stato scoperto quest’anno dal German Archaeological Institute, ha dichiarato Mahmoud Afify, capo del settore antichità egiziane.

L’edificio serviva probabilmente come stazione intermedia verso il “festival barque” del dio Khnum, ha detto Felix Arnold, direttore sul campo della missione Elephantine Island. Nell’antico Egitto le “barques” o barche sacre, venivano usate per aiutare a portare i morti alla vita seguente.

http://www.livescience.com/54476-building-for-queen-hatshepsut-discovered.html

https://danielaedintorni.com/2013/07/20/hatshepsut-la-prima-donna-governante-della-storia/